favicon
'Sabir'

Nonno Enrico parlava il ‘Sabir’, la lingua franca un tempo d’uso comune nel Mediterraneo ed oggi, mi dicono, scomparsa.
Marinaio per vocazione, aveva navigato il Mare Nostrum in lungo e in largo nell’estremo declinare del diciannovesimo secolo e nel primo decennio del Novecento.
A ben guardare, veramente, fino a quando la Patria non ebbe a reclamarlo essendo il Paese sceso in guerra nel 1915.
Non che avesse trascurato l’Atlantico, visto che due volte era approdato a Nuova York e altrettante a Buenos Ayres.
Epico, a sentirlo, infine il viaggio a Valparaiso, in Cile, durante il quale aveva avventurosamente doppiato, andata e ritorno, il Capo Horn.
Velieri, le navi imbarcate, dato che i motori all’epoca in uso avrebbero occupato troppo spazio a scapito di quello dedicato alle merci.
Era il ‘Sabir’ un misto di espressioni e vocaboli elementari alla cui base, con forti venature di occitano, arabo, spagnolo, francese, stava comunque l’italiano.
Il tutto mi torna alla mente scoprendo che lo Swahili è in uso – “quasi fosse”, è vergato, “una lingua franca” (che non è non essendo il prodotto di incontri di differenti parlate ma idioma a se stante, e questo malgrado in epoche passate il ligure, il veneziano, il greco, per dire, abbiano a tal uopo funzionato) – nei porti africani, verso Sud, sull’Oceano Indiano.
Scomparsa la mediterranea – la ‘nostra’, in qualche modo – quali mai altra lingua franca esiste es è parlata nel mondo?
Nel Mar Cinese?
Tra Australia, Nuova Zelanda, Nuova Guinea?
Nei mari malesi?
In quelli arabi?
Poche e incomplete le notizie in merito la qual cosa fa pensare ad altri declini se non a sparizioni.
Fatto è che in luogo e vece, dovunque, impera l’inglese.
E se perfino la Mongolia (!?) ha deciso di rendere obbligatorio a scuola lo studio della lingua di Shakespeare, quali mai speranze di sopravvivenza possono avere lingue inventate e sanguigne come quelle franche?
Necessita peraltro assolutamente averne e farne memoria in un mondo ‘inglese’ che la memoria non ha e non vuole avere!

Mauro della Porta Raffo

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *