favicon
Lo sport nel Risorgimento

Ove si intenda il vocabolo ‘sport’ secondo etimologia, è solo a tempi storicamente recenti che si deve guardare.

Sport, difatti, deriva dal francese antico ‘desport’ che, diventato in Inghilterra ‘disport’, indica, significa ‘divertimento’.

Attività fisica, ovviamente, che, stando ai canoni dominanti, almeno per larghissima parte dell’Ottocento e pertanto per quasi tutto l’arco del nostro Risorgimento, si caratterizzava (quanto diverso il mondo!) come dilettantistica, essendo il professionismo appunto sportivo negletto.

Attività, in più, necessariamente alternativa a quella lavorativa e quindi riservata ai benestanti almeno, se non agli aristocratici.

Attività, ancora – almeno per lunghi decenni sempre dell’Ottocento – ristretta ai singoli, non organizzata.

E’ comunque a partire dagli anni Sessanta del diciannovesimo secolo che da noi – necessaria evoluzione – nascono le prime società sportive.

Quelle remiere, per cominciare.

Il Club Alpino Italiano, nel 1863.

Di seguito, nel 1869 la Federazione Italiana di Ginnastica, nel 1885 l’Unione Velocipedistica (occorrerà attendere il 1909 per assistere al debutto del Giro d’Italia), nel 1888 la Federazione del Canottaggio, nel 1898 – anno nel quale si organizza e svolge il primo Campionato nazionale di calcio – quella del Football destinata ad affermarsi su tutte.

Come ognun sa, è a partire dal 1896, quando ad Atene hanno luogo i primi Giochi moderni, che a livello davvero internazionale lo sport (dilettantistico, ripeto) acquista rispetto e straordinaria visibilità.

L’Italia sarà assente – salvo presenze individuali – nelle prime tre edizioni per debuttare ufficialmente in quell’ambito nel 1908, a Londra.

Straordinario, a ben vedere, il fatto che in un lungo e fortemente conflittuale periodo, pur impegnati in guerre, sollevazioni e rivolte, gli italiani abbiano nell’Ottocento dato il via a strutture organizzative tuttora alla base della attività sportiva nazionale.

Mauro della Porta Raffo

Share on Google+Share on FacebookTweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page
2 Risposte
  1. Ben detto. Oggi si dovrebbero quindi rimarcare le sostanziali, decisive differenze tra attività fisica, perfino ludica, con attività sportiva agonistica, attiva, perché la passiva, il guardare lo sport di altri, serve solo al PIL.
    Lo sport , QUINDI L’AGONISMO, FA MALE. Fa male al fisico di chi lo pratica quotidianamente, fa male alla mente, fa male alla capacità intellettive perchè il debito di ossigeno che si instaura nel corpo durante violenti impegni agonistici colpisce anche il cervello.
    Perchè esiste il medico sportivo e non esiste il medico dei lettrati, dei musici, dei giocatori di carte? perché lo SPORT FA MALE.
    Fixx, inventore del Jogging é morto correndo. Solo a Varese tre miei coetanei son morti dopo una giornata di forte impegno sportivo correndo molti chilometri in debito di ossigeno. Tutti di infarto tra i 50 e i 60 anni. Ma lo sport serve per tenere le masse impegnate.
    Oggi l’aristocrazia risorgimentale farebbe altro.

  2. Per uno, come me, che pratica sport a fini personali ed individuali, trattasi di informazioni interessanti, Grazie. ET.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *